Mop Mop – Isle of Magic (2013)

Mop Mop - Isle of MagicProtagonista del nuovo articolo di Soulful Jams è un progetto made in Italy, ideato dal produttore, musicista e DJ Andrea Benini.

Stiamo parlando dei Mop Mop, gruppo che ha pubblicato da poco il suo quarto album in studio, intitolato “Isle of Magic”. Una band poco conosciuta nel suo paese natio, se non ai cultori del genere, ma che vanta una notevole considerazione in ambito internazionale.

Andrea Benini, mente del progetto Mop Mop, è un musicista classe ’77, nativo di Cesena ma ormai di base a Berlino, dove si è trasferito da qualche anno. Inizia a suonare la chitarra all’età di 10 anni, per poi dedicarsi dai 14 anni in poi alla batteria. Alla fine del ’99 si trasferisce a Bologna per studiare al DAMS, approfondendo così lo studio della musica contemporanea ed in particolare della musica afro-americana.

Dopo diverse esperienze in ambito musicale, nel 2005 prende corpo il collettivo Mop Mop, che mischia con maestria sonorità afro, jazz e funk. Il gruppo, oltre ad Andrea Benini, vede inizialmente come componenti Alex Trebo al piano, Pasquale Mirra al vibrafono, Guglielmo Pagnozzi al sax, Bruno Briscik al basso e Danilo Mineo alle percussioni. Nel corso dell’anno esce il disco di debutto dei Mop Mop, intitolato “The 11th Pill”, out per la label Tam Tam Studio e successivamente ripubblicato dalla P-Vine Records per il mercato giapponese.

Mop Mop
© Photo by Petti Rouge

Il primo estratto dall’album è il singolo “Perfect Day”, che vede la partecipazione di Jackson Sloan e viene pubblicato dalla Dejavu Records nel 2006, impreziosito da un remix di Gerardo Frisina, artista della Schema Records. “Perfect Day” nel 2007 ha anche l’onore di essere selezionato da Adrian Gibson per “Messin Around 5”, compilation del prestigioso London Jazz Café.

Il 2008 è l’anno del secondo studio album dei Mop Mop, disco intitolato “Kiss of Kali” e pubblicato dalla label tedesca INFRACom Records. L’album vede la partecipazione di Gianluca Petrella al trombone e di Alan Farrington alla voce. Sempre per INFRACom esce nel 2010 “Ritual of the Savage”, il terzo lavoro del collettivo capeggiato da Andrea Benini. Questa volta l’album include la deliziosa partecipazione della cantante britannica Baby Sol, già backing vocalist per artisti del calibro di Amy Winehouse, Joss Stone e Nate James.

In questi anni Andrea Benini si dedica anche a remix di brani di altri artisti, tra cui [re:jazz], Jazzinvaders e Bahama Soul Club, oltre a portare avanti l’attività live dei Mop Mop, che hanno l’opportunità di esibirsi in moltissimi paesi europei e persino negli Stati Uniti. Nel 2012 la partecipazione alla soundtrack del film di Woody Allen “To Rome with Love” dà ai Mop Mop un’esposizione ancor maggiore grazie al brano “Three Times Bossa”, composto da Andrea Benini e Alex Trebo e pubblicato da Tam Tam Studio.

Arriviamo così al presente con la pubblicazione del quarto album dei Mop Mop, “Isle of Magic”, disponibile dallo scorso mese di marzo nei formati CD, LP e in versione digitale. Il disco, che ha avuto un periodo di gestazione di circa due anni, è stato registrato tra la Germania e l’Italia, con l’utilizzo di un equipaggiamento analogico al fine di ottenere un sound marcatamente vintage.

Oltre 15 musicisti sono stati coinvolti nella produzione dell’album; tra questi il co-arrangiatore Alex Trebo al piano, Pasquale Mirra al vibrafono e alla marimba, Guglielmo Pagnozzi al clarinetto e al flauto, Johannes Schleiermacher al sax baritono, Lorenzo Ternelli e Salvatore Lauriola al basso e Danilo Mineo alle percussioni.

“Isle of Magic”, pubblicato dalla label tedesca Agogo Records, contiene 13 tracce che trasudano sonorità afro-jazz, con contaminazioni soul, funk e ritmi caraibici! Come primo singolo è stato scelto “Run Around”, brano che vede due illustri e preziose partecipazioni, Fred Wesley al trombone e Anthony Joseph alla voce.

Mop Mop
© Photo by Marco Onofri

Fred Wesley è una vera e propria leggenda del funk, avendo suonato anche con sua maestà James Brown, mentre Anthony Joseph è un virtuoso poeta e cantante britannico di origine trinidegna. Il risultato di questa collaborazione è un pezzone accattivante dalle vibrazioni contagiose, di cui potete apprezzare anche il relativo videoclip diretto da Gianni Rossi.

Possiamo ammirare il talento di Anthony Joseph in due ulteriori brani, “Let I Go”, di cui potete gustare qui sotto un bellissimo live, ed “Heritage”, canzoni in cui l’apporto vocale del cantante britannico dà quel tocco in più che rende le tracce perfette.

Non è da meno la bella voce di Sara Sayed, bravissima cantante finlandese di origine egiziana che dona il suo contributo vocale al brano “Loa Chant”, un pezzo dal sound particolarmente soulful. Nel resto del disco troviamo anche brani perlopiù strumentali come “Kamakumba”, una delle nostre tracce preferite, e “Phantom of the Opera”, delicato brano dal sapore mediterraneo.

“Isle of Magic” è un disco di altissimo livello, contraddistinto da un groove trascinante e da ritmi e percussioni irresistibili. Un album caldo e dalle atmosfere magiche, che conferma tutto il talento di Andrea Benini segnando l’ennesimo capitolo di spessore nella discografia del progetto Mop Mop!

tracklist:

  1. Jua Kiss
  2. Let I Go (feat. Anthony Joseph)
  3. Kamakumba
  4. Heritage (feat. Anthony Joseph)
  5. Phantom of the Panther
  6. Run Around (feat. Fred Wesley & Anthony Joseph)
  7. The Golden Bamboo
  8. Loa Chant (feat. Sara Sayed)
  9. Black Ivory
  10. Damballah
  11. Mojomamy
  12. Afro Jojo Part One
  13. Afro Jojo Part Two

link consigliati: mopmop.comfacebook.com/mopmopmusic

Annunci