Alessia Piermarini – Synth o Matic (2015)

Alessia Piermarini - Synth o MaticDopo diverso tempo torniamo a parlarvi sulle nostre pagine di artisti italiani per presentarvi il nuovo lavoro di un’eccellente cantante e musicista nostrana!

Lei è Alessia Piermarini, artista nata e cresciuta a Roma che ha da poco pubblicato il suo ultimo album, il bellissimo “Synth o Matic”!

La musica di Alessia spazia dal soul al jazz, passando per l’r&b e lo spoken word, generi di cui l’artista romana è appassionata da lungo tempo e che ha ben saputo amalgamare nel proprio repertorio. Molti gli artisti di riferimento da cui Alessia ha tratto influenza e che hanno contribuito alla sua formazione e crescita musicale, da sua maestà Stevie Wonder a grandi nomi della scena contemporanea come D’Angelo, Jill Scott ed Erykah Badu.

Nella discografia di Alessia troviamo i più disparati ed interessanti progetti musicali, a partire dalle Boop Sisters, trio vocale che si rifà al genere jazz/swing degli anni ’20 e ’30, con cui ha inciso gli album “Boop!” (2003) e “Bibidi Bobidi Boop!” (2006). Pregevole anche la sua collaborazione con il progetto italiano Soul Basement, a cui ha contribuito partecipando alle registrazioni dei dischi “Time Is Ours”, nel 2004, e “Little Hitches of Living”, l’anno successivo.

Da ricordare anche la partecipazione nel 2000 al concorso nazionale “Mia Martini Nuove Proposte per l’Europa”, dove è stata finalista con il brano “Tracce di Te”, la presenza nella raccolta “Gli Aborigeni” di Renzo Arbore e la collaborazione con il rapper americano Yah Supreme, nel suo disco “Post Modern Garden”.

Alessia Piermarini & Jaguar WrightIl primo album da solista di Alessia, intitolato “PG Major 7”, viene pubblicato nel 2008, ricevendo buoni riscontri sia in ambito nazionale che estero. Il disco è contraddistinto da un’anima profondamente neo soul, con influenze jazz e funk, e viene inciso con il supporto di una band composta appositamente per l’occasione, la Nu Soul Experience.

Nello stesso anno l’artista romana ha l’occasione di aprire il concerto di Ursula Rucker, artista statunitense di spoken word, celebre anche per aver collaborato con grandi gruppi come 4hero e The Roots. Più recentemente Alessia, che attualmente vive tra Roma e Londra, ha avuto l’onore di esibirsi persino con Frank McComb, sul palco del prestigioso Jazz Café di Londra.

Lo scorso 12 gennaio Alessia Piermarini ha pubblicato, su etichetta BeYourself Recordings, il suo nuovo album in studio, “Synth o Matic”. Il disco, prodotto dalla stessa Alessia e da Martino Onorato, è stato registrato al Ponte Milvio Recording Studio di Roma e masterizzato al Revel Sound di Londra. L’album contiene 18 tracce, a cui hanno contribuito i musicisti Alberto Parmegiani alla chitarra, Paolo Grillo al contrabbasso e Valerio Vantaggio alla batteria, oltre ovviamente alla nostra Alessia che si è occupata del piano e della loop station.

Il primo singolo estratto dall’album è la strepitosa “Back Home”, brano dal sapore jazz e dalle atmosfere raffinate. Il pezzo vede la straordinaria partecipazione della bravissima Jaguar Wright, artista neo soul originaria di Philadelphia, già collaboratrice di nomi di prestigio come The Roots, Blackalicious e Jay-Z.

Oltre a molti inediti scritti dalla stessa Alessia, nella tracklist troviamo anche un paio di cover di grandi successi degli anni ’80, reinterpretate in maniera originale e sopraffina. La celebre “Beat It”, hit dell’indimenticato Michael Jackson tratta dal capolavoro “Thriller” (1982), è qui proposta in una versione molto soulful, impreziosita dal contributo del trombettista Aldo Bassi; non da meno “Into the Groove”, successone pop del 1985 di Madonna, che Alessia ci presenta in una chiave particolarmente elegante.

Tra i pezzi più riusciti ecco la sensuale “Non Serve Parlare”, in cui ritroviamo nuovamente Aldo Bassi alla tromba, e la struggente ballata “Goodbye”; dal sapore molto jazzy è invece “Vorrei un Pezzo Tuo”, mentre più improntate al neo soul sono le convincenti “Non C’è Più Spazio” e “Tu”. Assolutamente da citare anche la bellissima “Oh Sugar”, un pezzo che sembra uscito direttamente da un album della divina Jill Scott, e la presenza di alcune brevi tracce, come “Musicisti” e “Zanzare”, in cui Alessia si diverte a sperimentare con stile ed ironia, strizzando l’occhio allo stile spoken word.

Il disco nel suo complesso è assolutamente di rilievo, con un sound curato nei minimi dettagli ed una Alessia Piermarini vocalmente ineccepibile. Un album dal respiro internazionale, che spazia tra neo soul e jazz, in cui l’elemento vocale e quello strettamente ritmico trovano un perfetto punto d’incontro. Non c’è che dire, con “Synth o Matic” Alessia Piermarini colpisce nel segno con un lavoro totalmente positivo, sicuramente una delle novità più interessanti del momento.

“Synth o Matic” è disponibile in versione digital download, nella classiche piattaforme come iTunes ed Amazon, oppure in formato CD presso lo storico negozio Soul Brother di Londra e il rinomato store milanese Vinyl Brokers. Di seguito potete ascoltare una piccola preview dell’album per aver un assaggio del disco. Supportate la buona musica made in Italy! Enjoy!

tracklist:

  1. Synth o Matic
  2. Non C’è Più Spazio
  3. Tu
  4. Musicisti
  5. Into the Groove
  6. Back Home (feat. Jaguar Wright)
  7. Oh Sugar
  8. Zanzare
  9. Beat It (feat. Aldo Bassi)
  10. Non Serve Parlare (feat. Aldo Bassi)
  11. Vorrei un Pezzo Tuo
  12. Malditesta
  13. Goodbye
  14. Se Solo Tua Madre Sapesse
  15. Difficile
  16. Metti la Testa a Posto
  17. Se Tutto Dipende da Me
  18. Spine

link consigliati: facebook.com/alessiapiermarinimusic

Annunci